STAGIONE 2018/19

Teatro della Corte - OSOPPO

 

Sabato 13 ottobre ore 20:45       

 

NEVE - anteprima NAZIONALE - (lo spettacolo "Neve" sostituisce lo spettacolo "La Tempesta"

 

Di e con      Luca Ferri

Regia    Luca Ferri

 

Guardare la neve cadere fa riflettere sulla vita e sulla libertà, sul respiro e sul desiderio di essere migliori, sulla leggerezza e sui ricordi. “Neve” è il ricordo di una nevicata che coprì tutto e portò silenzio e luce bianca su tutto, scoprendo forme nuove e insolite direzioni… e quando il padre chiese al figlio “Hai trovato la tua strada?” il ragazzo rispose “Meglio ancora papà. Ho trovato la neve.” 


 

Sabato 27 ottobre ore 20:45 

  

CRONACHE SESSUALI

 

Di e con        Andrea Cornacchione

Produzione   Epochè ArtEventi

 

Il rapporto Kinsey sulle abitudini sessuali degli esseri umani sconvolse il mondo negli anni ’60, svelando le viziose condotte degli americani sotto le lenzuola. Antonio Cornacchione, con le sue Cronache sessuali, ne propone una rivisitazione in tutto e per tutto all’italiana. La sua comicità schietta, mai appesantita da pleonastiche omelie, stimola e subito scioglie l’imbarazzo della platea, suggerito anche dall’espediente del repentino cambio di argomento. Cornacchione non rinuncia, infatti, malgrado la specificazione del titolo, ad affrontare anche un altro genere di cronaca, quella di cui è sempre stato salace esaminatore e dalla quale più spesso lo abbiamo visto trarre ispirazione. 


 

Sabato 17 novembre ore 20:45 

 

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

 

Con    Compagnia Teatro Immagine

Regia  Benoit Roland

 

"Come può una compagnia di Commedia dell’arte avere l’insolenza di mettere in scena un’opera classica come “Il Barbiere di Siviglia”? Ci ricordiamo tutti l’apertura di Rossini: “…la ran la lera, la ran la là”. Non ci viene, ogni tanto, di cantare sotto la doccia “Figaro qua, Figaro là”? Si, quest’opera fa parte, inesorabilmente, della nostra cultura storica e sociale. Le arie più celebri sono state usate in tutti i frangenti: cinema, musica, televisione.... e tocca a noi, oggi, con la nostra esperienza ormai ventennale, di “profanare” un monumento del repertorio operistico italiano.  


 

Sabato 1 dicembre ore 20:45 

 

PARTENZA IN SALITA

 

Con      Corrado Tedeschi e Camilla Tedeschi

Regia   Corrado Tedeschi e Marco Rampoldi

 

Chi, imparando a guidare, non ha mai provato difficoltà nella partenza in salita? Capire la giusta sincronia fra il rilascio del freno a mano, della frizione e la giusta dose di accelerazione, quando si è alle prime armi, non risulta semplice. Come non è semplice affrontare il mare magnum della “Vita” per una ragazza di 18 anni appena compiuti. E se alle difficoltà proprie di un’età si aggiungono le incertezze e l’immaturità di un padre Peter Pan, improvvisato ed impaziente istruttore di guida, allora la miscela può diventare davvero esplosiva! E l’ora di lezione può diventare l’occasione per conoscersi davvero, forse per la prima volta. Fra crisi adolescenziali, scoperte allarmanti, altarini svelati… telefonate di amanti, scatti d’ira, risse sfiorate, bugie colossali, ma anche complicità, risate, tenerezze, momenti di commozione.


 

Domenica 16 dicembre ore 18:00

 

CONCERTO DI NATALE anni '30 '40 '50

 

Con  The Crunchy Candies

 

Un concerto speciale, dove i grandi classici della tradizione natalizia saranno riadattati in chiave swing.

 

 

 

 


 

Sabato 31 dicembre ore 21:00 

Spettacolo fuori abbonamento  

 

CAPODANNO CON CATINE

- Speciale Capodanno a Teatro -

Con

Caterina Tomasulo

 

Personaggio teatrale che spopola sui social network, nato dall’esperienza di vita da emigrante in terra friulana della cabarettista di origine lucana, da diversi anni residente a Tarcento.

Una serata all'insegna del divertimento e delle risate e dopo lo spettacolo il divertimento continua nel foyer del teatro con musica, brindisi e un dolce buffet!

 

 


 

Sabato 19 gennaio ore 20:45 

 

FORZA, IL MEGLIO E' PASSATO...

 

Con    Giorgio Pasotti

Regia  Davide Cavuti

 

Lo spettacolo si ispira alla celebre frase di Ennio Flaiano “Coraggio, il meglio è passato” e con la stessa ironia proverà a percorrere le storie dei personaggi che hanno lasciato un segno tangibile sulla storia del cinema, del teatro e della letteratura. I momenti di danza proietteranno gli spettatori nei vari quadri che compongono lo spettacolo e che Giorgio Pasotti disegnerà, sotto la regia di Davide Cavuti, coinvolgendo spesso il pubblico in sala. Il cinema sarà uno dei temi della serata come anche il grande teatro con riferimenti a testi di grande impatto emotivo. 


 

Sabato 2 febbraio ore 20:45                  

 

LI ROMANI IN RUSSIA

  

Con     Simone Cristicchi

Regia  Alessandro Benvenuti

 

Tratto dall'omonimo poema in versi di E. Marcelli, il monologo "Li Romani in Russia" racconta l'orrore della guerra attraverso la voce di chi l'ha vissuta in prima persona, come in un ideale incontro tra il mondo delle borgate di Pasolini e le opere di Rigoni Stern e Bedeschi. Un teatro civile che si presenta nuovo soprattutto per la forma del testo. Il risultato è un affresco epico che non omette particolari crudi e rimossi dalla storia ufficiale (il luogo comune degli italiani brava gente), e che diviene quanto mai attuale in un'epoca di bombe intelligenti e guerre umanitarie. Cristicchi, attore naturale e credibile, interpreta una nutrita galleria di grotteschi personaggi, raccontando con passione e coinvolgimento questa tragica epopea, in un monologo corale in cui trovano spazio anche momenti ironici e divertenti.

 


 

Sabato 16 febbraio ore 20:45  

 

BELVEDERE

 

Con     Anna Mazzamauro e Cristina Bugatty

Regia  Luca Ferri

 

Anna Mazzamauro e Cristina Bugatty sono le interpreti di questa storia ai limiti tra la commedia e la poetica felliniana. Sul Belvedere di un alto palazzo vive una donna che tra i ricordi che affiorano e le giornate che passano, incontra una transessuale nascosta dietro ad una di quelle lenzuola che sventolano alla brezza della sera. Nasce un’amicizia, un’intima confidenza che si trasforma in una complicità, accompagnata dalla musica che prende forma dalle note del contrabbasso suonato dal vivo da Sasà Calabrese. Il Belvedere è un luogo magico, un posto dove si può osservare il panorama e il mondo intero, ma è anche la metafora di una terrazza affacciata sulla vita in grado di mostrare le più intime fragilità delle protagoniste. 


 

Sabato 2 marzo ore 20:45 

 

IL LAGO DEI CIGNI CAPOVOLTO

 

Con   Dancers from Music and Arts University Vienna

 

 

 

Sabato 16 marzo ore 20:45 

 

LAMPI

 

Con      Giulio Casale

Regia   Gianluca Ghino

 

Giulio Casale si cimenta con il Teatro classico portando in scena quattro atti unici del drammaturgo russo Anton Cechov.

Con la sua grande sensibilità attoriale e musicale, accompagnato sul palco da Giusy Barone e Alberto Basaluzzo, Giulio Casale ci propone uno spettacolo divertente e coinvolgente con musica live, travestimenti e ritmo da lasciare senza fiato.

I quattro atti unici sono uniti da un fil rouge rappresentato da un peccato capitale dell’uomo, l'ira, che come una fiamma, una scintilla, un lampo, fa precipitare gli eventi in liti, infiammando gli animi.

 


 

Sabato 30 marzo ore 20:45 

 

PAR IMPUSSIBIL

 

Con

I Trigeminus

 

I TRIGEMINUS ci divertiranno con una situazione a dir poco incredibile venutasi a creare in casa di Romea e Giulio qualche ora prima del cenone di capodanno programmato già da tempo da Giulio per fare una sorpresa alla moglie Romea. I colpi di scena si susseguiranno numerosi scaturiti da un contesto inverosimile e saranno caratterizzati da singolari prese di posizione dei loro vicini di casa e seguiti da un vortice di imprevisti per giungere ad un inimmaginabile finale romantico. Come sempre i personaggi, tutti interpretati da Mara e Bruno, volteggeranno sul palco e daranno vita a questo spettacolo che...Pâr Impussibil... rispecchia angoli di vita realmente vissuti. Il divertimento è garantito, lo spettacolo è godibile e adatto a tutte le fasce d’età.  


 

Sabato 13 aprile ore 20:45  

 

CUMIERIES DI MEMORIES

 

Di e con

Tiziano Cossettini

 

Quante volte passiamo per strada davanti a un barbone, gli gettiamo distrattamente uno sguardo, al limite gli diamo una monetina, ad altri che non ci guardano nemmeno passiamo oltre. E questo incontro sfuggevole cade nel giro di pochi attimi nel dimenticatoio più profondo. Eppure cosa può celarsi dietro queste vite ai margini della società? Quali sono le loro storie? Quali i drammi? O è una scelta di vita? Cosa conta di più nella vita di ognuno di noi il merito o la fortuna? In questo spettacolo emozionante e pregno di sentimenti controversi verrà raccontata la storia di uno di loro.   


 

Sabato 4 maggio ore 20:45 

 

PRIME CHE A RIVIN CUATRI 

 

Con     Compagnia Felici Ma Furlans

Regia   Tommaso Pecile

 

Ancora una volta la premiata ditta nata dal genio creativo di Alessandro Di Pauli e Tommaso Pecile porta il friulano al di là dei propri confini e usa la lingua della Piçule patrie in un contesto che non è certo friulano. La storia prende spunto da “Il Rompiballe” di Francis Veber, pièce del teatro francese degli anni ’70. Alla commedia però mancava quel tocco in più: il testo lasciava infatti qualcosa di incompiuto. Da qui la decisione di riscriverlo, prendendone i presupposti ma partendo per la tangente. La scelta risultata poi vincente fu quella di farne una tragicommedia pulp che corresse sul filo dell´isteria; di farla funzionare a teatro, e non al cinema o in televisione. Coraggiosa poi anche l’idea di utilizzare la lingua friulana in una commedia pulp. Ma come può il friulano essere pulp? ...


 

Sabato 18 maggio ore 20:45 

 

NO PARANOIA, NON AVERNE 

Con

Gruppo Danza FERN

 

Lo spettacolo indaga sugli effetti delle dipendenze, si articola in un unico tempo e, attraverso installazioni, movimenti corali e “sussurri”, illude chi guarda di essere solo spettatore. Ma fino a che punto si può mantenere il controllo? Se guardi da un unico punto non vedi quanto si sta facendo stretta la gabbia intorno a te. Nella frenesia di una massa che cerca spazio tra il pubblico, quanto devi ancora perdere per capire che il gioco ti sta sfuggendo di mano? La leggerezza della danza, la suggestione delle musiche e la forza dei testi coinvolgono lo spettatore, facendo meditare su un argomento non certo leggero o facile, ma trattato in modo da sollevare il pubblico dalla paranoia, anzi lasciando aperto uno spiraglio alla speranza e alla voglia di uscire dalla gabbia. 

 


BIGLIETTI STAGIONE 2018/19

 

 

Rassegna "I GRANDI OSPITI"

 

Biglietto intero         € 12,00

Biglietto ridotto        € 10,00

(under 18 / over 65 / universitari)

 

 

Rassegna "TESORI DEL TERRITORIO"

 

Biglietto intero         € 10,00

Biglietto ridotto        €   8,00

 

(under 18 / over 65 / universitari)

 


 

ABBONAMENTI STAGIONE 2018/19

 

 

Abbonamento  "I GRANDI OSPITI" (9 spettacoli)

 

Intero                       € 85,00

Ridotto                     € 70,00

(under 18 / over 65 / universitari)

 

 

Abbonamento  "TESORI DEL TERRITORIO" (5 spettacoli)

 

Intero                       € 40,00

Ridotto                     € 35,00

(under 18 / over 65 / universitari)

 

 

Abbonamento  "GOLD" (tutti i 14 spettacoli)

 

Intero                       € 115,00

Ridotto                     €   98,00

(under 18 / over 65 / universitari)

 

Per info e prenotazioni: 0432-1740499 / 3453146797

Direzione Artistica Luca Ferri

 

Contatti:   info@anathemateatro.com    -    +39 0432 1740499   -   +39 345 3146797

Ufficio:       via C. Battisti, 1 33100 Udine (UD)      p.i / c.f. 02609240300

Teatro:      via XXII novembre, 3 33010 Osoppo  (UD)

Orario Uffici e Botteghino:    lunedì chiuso     /     martedì - venerdì     10:30  / 19:30       /     sabato - domenica    13:30  /  20:30