IL BOSCO DI MARGHERITE

Dopo il monologo “Neve”, Luca Ferri ritorna sul palco con un nuovo spettacolo commovente che racconta la vita di un uomo speciale.

 Il “Bosco di Margherite” racconta la vita, le emozioni e i sentimenti degli esseri umani. In questo lavoro, Ferri cerca di mostrare come il momento di piena saggezza ed esperienza, sembri essere quello dell’infanzia; mentre la vecchiaia rappresenta il regresso e l’incomprensione.

Nel mezzo, tra i due momenti, c’è la vita migliore, quella del confronto, del godimento e della profondità dei sentimenti. Un essere umano che percorre il suo tempo in maniera unica ed incomprensibile ma, in grado di far comprendere i veri significati dell’esistenza, perché a volte, per comprendere la vita basta semplicemente cambiare punto di vista. Uno spettacolo in grado di dimostrare che lo scorrere del tempo è semplicemente una convenzione. Sono i tempi interiori, alla ricerca del tempo perduto, che scandiscono il ritmo della vita, dell’amore e delle trasformazioni della mente, che non è sempre in sintonia con quelle del corpo e del fisico. La magia o la biologia non possono nulla sulle leggi del cuore, e sul fatto che l’uomo possa impadronirsi del tempo, plasmandolo, vincendolo, senza sconfiggere l’ineluttabilità della morte ma conquistando i propri giorni uno a uno nella vita. Un’indagine diretta e poetica sulla società: l’ironia e l’irriverenza accompagnano gli spettatori in un viaggio che racconta la bellezza che risiede nella “differenza”. Il mondo è ricco di stereotipi di normalità e bellezza rispetto ai quali, fermandosi a riflettere, è facilissimo sentirsi a disagio. Basta avere un difetto, un gusto diverso, una preferenza, una malattia o semplicemente portare gli occhiali, o metterci un po’ più degli altri a leggere una frase, avere la pelle un po’ più scura o far fatica a scendere un gradino, o essere un po’ di più o un po’ di meno...che il mondo ci

etichetta come diversi. Forse è proprio quel mondo dove si “nasce al contrario” che insegna il modo di vedere la vita con occhi diversi mostrandoci la meraviglia dell’esistenza...forse sono proprio quegli occhiali che ci mostrano una piccola aiuola con pochi fiori, come un bellissimo bosco di margherite.  

 

 

Una produzione  Anà-Thema Teatro

Regia Luca Ferri

Con Luca Ferri, Silvia Bottini, Raffaella Giampaoli, Caterina Forchì, Sofia Zago e Damiano Monte

Costumi Emmanuela Cossar

Foto: Luca D'Agostino

Direzione Artistica Luca Ferri

 

Contatti:   info@anathemateatro.com    -     +39 345 3146797    -    0432/1740499

Ufficio:      viale del Ledra, 70/a  33100 Udine (UD)      p.i / c.f. 02609240300     Cod. Univoco T9K4ZHO

Teatro:      via XXII novembre, 3 33010 Osoppo  (UD)

 

Orario Uffici e Botteghino:    lunedì chiuso     /     martedì - venerdì     10:30  / 19:30       /     sabato - domenica    13:30  /  20:30